Free Essay

Ashai Glass Transformation

In: Business and Management

Submitted By veronicam
Words 1635
Pages 7
1) come le relazioni con la banca principale impattarono la governance societaria?

Durante gli anni 1960-1970 le banche erano i principali fornitori di capitale di debito per AGC e per altre imprese giapponesi poiché il mercato interno di capitali non era molto sviluppato.
La “banca centrale”, era quella che manteneva l’importo più ingente dei crediti nei confronti del mutuatario e gli conferiva un finanziamento stabile nel lungo periodo, avendo interesse a monitorare il suo andamento.
La banca, infatti, si assumeva la responsabilità di controllare le performance aziendali anche a nome degli altri istituti di credito e, per fare ciò, entrava nella corporate governance della società acquistando delle partecipazioni.
In questo modo la main bank poteva esercitare un controllo diretto sulle operazioni societarie attraverso la partecipazione attiva alle decisioni prese in sede di assemblea e la nomina degli organi istituzionali.
In generale banche e imprese avevano partecipazioni incrociate possedendo reciprocamente piccole partecipazioni di minoranza. L’accordo implicito tra i due era che ciascuna parte votasse nelle assemblee generali partecipando al potere gestionale e che ciascuna parte non vendesse le azioni incrociate senza ottenere il consenso della controparte.
Se da un lato questa situazione favoriva il controllo delle banche, dall’altro la AGC aveva interesse a vendere le proprie partecipazioni a banche giapponesi per difendersi dalle acquisizioni straniere.
La banca centrale della AGC e nello stesso tempo il maggior shareholder della stessa era la Mitsubishi Bank che deteneva il 4.9% e reciprocamente la AGC deteneva l’1.5% delle partecipazioni bancarie.

2) cosa vedete come principali ostacoli che Izishu affronta mentre continua a cercare di trasformare AGC? che cosa ha spinto i cambiamenti organizzativi? contano questi cambiamenti?

Nel 1998 dopo che Izishu fu nominato presidente della AGC ha iniziato ad attuare una serie di drastici cambiamenti alla struttura e alla cultura della società con lo scopo di renderla internazionale. Già l’internazionalizzazione era iniziata negli anni ’70 quando AGC aveva iniziato a raccogliere fondi nei mercati esteri avendo ridotto le partecipazioni incrociate con le banche a causa dei bassi rendimenti.
Si rese sempre più chiaro che il coordinamento oltre i confini nazionali era un passo essenziale verso un’efficiente gestione ed un’ottimizzazione del valore di ciascuna attività.
Nel 1998 la AGC attuò una strategia che si basava sul “ridurre per crescere” per rispondere alla crisi economica asiatica e alla debole performance interna, unita alla strategia che vedeva la necessità di valutazione separata delle prestazioni di ciascuna società controllata. Queste strategie accoppiate miravano a una selettiva e mirata allocazione delle risorse tra le varie attività della AGC e una più rapida capacità decisionale.
Izishu capì l’importanza di una visione di gruppo tra le aziende di ogni SBU (STRATEGIC BUSINESS UNIT) volta a implementare il valore condiviso attraverso la “fertilizzazione incrociata”. Questa strategia aveva come obiettivo quello di incoraggiare le varie aziende estere a mantenersi in contatto stretto per imparare l’uno dall’altro.
Nel 2002 suddivide AGC in 4 unità di business a livello globale, le “società in house” organizzate secondo linee di prodotto per favorire il coordinamento internazionale.
Ciò che comportò la riorganizzazione globale fu la delega di autorità alle società ”in house” rendendole quasi indipendenti. L’obiettivo di questa decentralizzazione era lo snellimento del sistema per renderlo più efficiente e ciò era reso possibile dal fatto che il mercato su cui AGC si affacciava era globale e i clienti omogenei. Ogni società in house aveva il potere di gestire il capitale e prendere decisioni di investimento, accollandosi anche il rischio di credito della divisione. Il rischio però era che fossero prese delle decisioni d’investimento che incidessero negativamente sulla capacità di credito complessiva della società.
Infatti, erano pianificati cicli triennali d’investimento classificando ogni SBU in base al piano a medio termine e al contributo da esse fornito al valore dell’impresa. Ogni società era pertanto responsabile del proprio risultato operativo e dell’EVA: in questo modo i manager erano incentivati a migliorare le performance per il fatto che ricevevano dei bonus determinati in base agli utili operativi annuali.
L’espansione della AGC all’estero provocò la necessità di formare delle joint venture con dei partner locali. Queste partnership creavano dei conflitti poiché i partner della società tendevano a perseguire i propri interessi massimizzando i propri profitti a scapito delle società in house così che successivamente la AGC risolse il problema comprando le partecipazioni detenute dai partner.
Una difficoltà che si era incontrata nel processo d’internazionalizzazione era che, essendo i sistemi contabili differenti da Paese a Paese e, visto che all’interno della AGC non vi era un sistema contabile standardizzato, si creava incoerenza nel processo decisionale e di valutazione delle prestazioni.
Un altro problema che Izishu dovette affrontare fu quello della comunicazione: egli nominò dirigenti non giapponesi per gestire il business del vetro in Giappone, ma questo fu un ostacolo in quanto vi erano problemi di comunicazione con i lavoratori che non conoscevano l’inglese.
Ci furono riforme drastiche nella corporate governance e fu introdotto un nuovo sistema di gestione per l’allocazione delle risorse e per la misurazione di ciascuna unità di business e quindi delle prestazioni manageriali (EVA). Queste riforme furono ben accolte dal personale più giovane estero ma non dai senior executive preesistenti che non trovavano la necessità di modificare la formula vincente.

3) quali sono le premesse dei sistemi EVA? hanno senso?

Le premesse che giustificano l’utilizzo del metodo EVA sono la valutazione delle performance di ciascuna unità di business che nel caso AGC si deve confrontare con un ambiente internazionale. Questa metodologia viene utilizzata per l’allocazione delle risorse e la valutazione delle performances manageriali. L’obiettivo è quindi quello di misurare i risultati ottenuti nella prospettiva della creazione del valore.
Lo scopo del modello è quello di compensare alcune lacune derivanti da determinati indicatori contabili, ad esempio il risultato economico d'esercizio, il Return on investment (ROI) o il Return on equity (ROE). Essi, infatti sono calcolati su dati storici senza una vera prospettiva reddituale futura, fortemente influenzati da regole giuridiche e fiscali.

La formula dell’EVA è la seguente:

EVA= NOPAT - (CE x WACC)

l’utilizzo del sistema EVA presuppone la conoscenza di:
- Utile Operativo Netto dopo le Tasse (NOPAT)
- Capitale impiegato (CE)
- Costo medio ponderato del capitale (WACC)

La caratteristica fondamentale di EVA è che incorpora un tasso per l'uso sia di debito sia di capitale proprio.
Le imprese focalizzate sulla crescita degli utili finiranno per investire in qualsiasi progetto ottenendo un rendimento superiore al costo (al netto delle imposte) del debito, piuttosto che investire solo in progetti con rendimenti superiori rispetto al costo complessivo del capitale, cioè attraverso l’utilizzo della regola dell’NPV. Identificando e incorporando esplicitamente il costo del capitale azionario, EVA alza la barra e rende i manager più consapevoli dei costi del capitale impiegato, promuovendo in tal modo una più efficiente allocazione del capitale.

4) come valutate il sistema EVA implementato da Izishu?

Il metodo EVA fu introdotto nel 1999 nella AGC per valutare le performances di ciascuna unità di business che dovevano confrontarsi con un ambiente internazionale. Questa metodologia veniva utilizzata per l’allocazione delle risorse e la valutazione delle performances manageriali.
Analizzando il metodo EVA implementato da Izishu si nota che il punto di debolezza di tale sistema consiste nel modo in cui viene calcolato il WACC.
Infatti, la AGC, operando attraverso 4 in house situate in differenti aree geografiche, dovrebbe calcolare il costo del capitale tenendo conto che il livello di tassazione adottato e la struttura del capitale sono diversi per ogni Paese.
Per tale motivo, l’EVA relativa a differenti BU non può essere comparata.

Inoltre nel calcolo del WACC viene considerato solo il rischio sistematico tralasciando il rischio specifico.
-rischio sistematico: associato all'andamento del mercato nel suo complesso.
-rischio specifico: Parte di rischio rappresentativa del rischio peculiare di una specifica impresa o dei diretti concorrenti

Formula del WACC:

WACC: (1-t)*Rd * D/(D+E) + Re* E/(D+E)

Rd
• Nei Paesi industrializzati: R risk-free + Credit Spread
• Nei Paesi emergenti: R risk free + Credit Spread + Premio per il rischio del Paese.

Re
• Nei Paesi industrializzati: R risk free + beta x Market Premium in accordo con il modello CAPM.
• Nei Paesi emergenti: il costo dell’equity è stimato sulle informazioni fornite da Ibbotson e JP Morgan poiché l’uso del CAPM porterebbe a un risultato poco attendibile vista la mancanza di valori storici.

AGC calcola il WACC, di ogni unità di business, basandosi su un WACC ponderato per ogni paese in cui una data unità di business opera.
Pertanto il WACC del vetro piano in Asia è del 10% (ponderazione dei WACC di Giappone, Cina, Indonesia, Filippine e Tailandia).
Al contrario il WACC del vetro per pannelli è di 7.4%; la differenza risiede nel fatto che il 46% del capitale impiegato in Asia per il business del vetro piano, è investito in paesi emergenti con un costo del capitale più elevato; al contrario l’88% del capitale, relativo al business del vetro per pannelli, è investito in paesi industrializzati quali il Giappone con un inferiore costo del capitale.

5) compreresti azioni DI AGC?

Dal punto di vista del bilancio d’esercizio, sebbene presenti una perdita negli anni ’02-’03, non possiamo dire se sia giusto o meno investire in AGC poiché i valori presenti in esso rappresentano valori storici: non possiamo quindi definire con certezza se comprare azioni ora sia un buon investimento per il futuro poiché neppure gli azionisti hanno reinvestito capitale nella società.
A nostro parere la risposta andrebbe cercata in quelle che sono le riforme relative alla corporate governance e alle nuove direttive gestionali; il fatto che gli investimenti siano strutturati in base a una classifica stipulata in seno alla società, utilizzando dati approssimativi per il calcolo del costo del capitale e del beta, e che le direttive in ambito di EVA non vengono eseguite in modo uniforme, ci fa rinunciare alla possibilità di un investimento in AGC ritenendo la società non ancora matura rispetto ai cambiamenti strutturali da compiere.

Similar Documents

Free Essay

Agc: the Ishizu Challenge

...The Continuing Transformation Of Asahi Glass: Implementing EVA ASAHI GLASS CORPORATION Fondata in Giappone nel 1907 da Toshiwa Iwasaki, Asahi Glass Corporation è uno dei principali produttori di lastre di vetro a livello globale. I principali settori produttivi in cui opera sono : vetri automobilistici, prodotti chimici, vetri per schermi, prodotti elettronici, pannelli di vetro. Sull’onda del boom economico successivo al termine della seconda guerra mondiale, vista la qualità dei suoi prodotti e la crescita della domanda, AGC incomincia ad espandersi internazionalmente dislocando unità produttive nei paesi del sud-est asiatico, per poi approdare tra gli anni 80 e 90 nei mercati europei e statunitensi grazie all’acquisto nel 1981 di Glaverbel e MaasGlas in Europa e di AFG Industries negli Stati Uniti nel 1992, affermando la sua presenza nella maggior parte dei paesi del mondo. Nel 2003 le vendite dei prodotti di vetro contano per il 54%, prodotti elettronici e schermi 24%, prodotti chimici 19% e 3% per gli altri prodotti. Nella maggior parte delle categorie AGC risulta essere il leader mondiale o il secondo maggior competitor. Nonostante l’ottima posizione di AGC nel mercato, Shinya Ishizu, a partire dal conferimento dell’incarico di CEO nel 1998, inizia ad apportare profondi cambiamenti alla compagnia sia dal punto di vista organizzativo che culturale introducendo riforme sulla corporate governance, un nuovo sistema di allocazione delle risorse e valutazione delle......

Words: 2971 - Pages: 12

Premium Essay

Kotler

...Ingredient Branding Philip Kotler· Waldemar Pfoertsch Ingredient Branding Making the Invisible Visible Professor Philip Kotler Kellogg Graduate School of Management Northwestern University Evanston, IL 60208, USA p-kotler@kellogg.northwestern.edu Professor Waldemar Pfoertsch China Europe International Business School 699 Hongfeng Rd. Shanghai 201206, China wap@ceibs.edu e-ISBN 978-3-642-04214-0 ISBN 978-3-642-04213-3 DOI 10.1007/978-3-642-04214-0 Springer Heidelberg Dordrecht London New York Library of Congress Control Number: 2010926489 © Springer-Verlag Berlin Heidelberg 2010 This work is subject to copyright. All rights are reserved, whether the whole or part of the material is concerned, specifically the rights of translation, reprinting, reuse of illustrations, recitation, broadcasting, reproduction on microfilm or in any other way, and storage in data banks. Duplication of this publication or parts thereof is permitted only under the provisions of the German Copyright Law of September 9, 1965, in its current version, and permission for use must always be obtained from Springer. Violations are liable to prosecution under the German Copyright Law. The use of general descriptive names, registered names, trademarks, etc. in this publication does not imply, even in the absence of a specific statement, that such names are exempt from the relevant protective laws and regulations and therefore free for general use. Cover design: WMXDesign GmbH, Germany......

Words: 106805 - Pages: 428

Free Essay

Dan Brown

...FOR BLYTHE Acknowledgments My profound thanks to three dear friends with whom I have the great luxury of working: my editor, Jason Kaufman; my agent, Heide Lange; and my counselor, Michael Rudell. In addition, I would like to express my immense gratitude to Doubleday, to my publishers around the world, and, of course, to my readers. This novel could not have been written without the generous assistance of countless individuals who shared their knowledge and expertise. To all of you, I extend my deep appreciation. To live in the world without becoming aware of the meaning of the world is like wandering about in a great library without touching the books. The Secret Teachings of All Ages ———————————— FACT: In 1991, a document was locked in the safe of the director of the CIA. The document is still there today. Its cryptic text includes references to an ancient portal and an unknown location underground. The document also contains the phrase “It’s buried out there somewhere.” All organizations in this novel exist, including the Freemasons, the Invisible College, the Office of Security, the SMSC, and the Institute of Noetic Sciences. All rituals, science, artwork, and monuments in this novel are real. ———————————— Prologue House of the Temple 8:33 P.M. The secret is how to die. Since the beginning of time, the secret had always been how to die. The thirty-four-year-old initiate gazed down at the human skull cradled in his palms. The skull was hollow, like...

Words: 164451 - Pages: 658

Free Essay

Public Administration

...SL 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 Song Name Amanush Theme Amanush Duchokher Oi Jhiley Hai Rama Jiboner Jalchabi Monta Kore Uru Uru O My Love Aamake Aamar Moto Thaakte Dao Bhaage Jaana Hai Kahan Bneche Thakar Gaan (Rupam) Bneche Thakar Gaan (Saptarshi) Chawl Raastaye (Shreya) Chawl Raastaye (Priyam) Phnaade Poriya Bawga Knaade Re Uthche Jege Shawkalgulo Bol Na Aar Dui Prithibi It's Only Pyaar O Yara Vey Pyarelal Keno Aaj Kal Keu Mone Mone Khujechi Toke Raat Berate Pirit Koro Na Sexy Maye Aas Paas Hai Khuda (Unplugged) Aas Pass Hai Khuda Ale Ab Jo Bhi Ho Anjaana Anjaani Hai Magar Anjaana Anjaani Ki Kahani Apna Har Din Jiyo (Remix) Apna Har Din Jiyo Baki Main Bhool Gayi Chhan Ke Mohalla Sara (Remix) Chhan Ke Mohalla Sara Chori Kiya Re Jiya (Female) Chori Kiya Re Jiya (Male) Dabangg Theme Desi Kali Your A Desi Kali (Bawara Sa) (Remix) Desi Kali Your A Desi Kali (Bawara Sa) Desi Kali Your A Desi Kali (Remix) Song Code 5551 5552 5553 5554 5555 5556 5557 5558 5559 55510 55511 55525 55512 55513 55514 55515 55516 55517 55518 55519 55520 55521 55522 55523 55524 55526 55527 55528 55529 55530 55531 55532 55533 55534 55535 55536 55537 55538 55539 55540 55541 Artist/Movie/Album Amanush Amanush Amanush Amanush Amanush Amanush Amanush Autograph Autograph Autograph Autograph Autograph Autograph Autograph Autograph Dui Prithibi Dui Prithibi Dui Prithibi Dui Prithibi Dui Prithibi Josh Josh Josh Josh Josh...

Words: 100551 - Pages: 403